Paniere open data e business model per le PMI

 

Questa immagine è concessa da jisc.ac.uk con licenza Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND)

 

Un aspetto fondamentale nella crescita di un territorio è dato da quanto le componenti pubbliche e private riescano ad interagire in un’ottica di collaborazione. In questo modo da un lato si garantisce alle imprese di conoscere le esigenze della PA e costruire una community in grado di supportare le PMI, dall’altro lato si mette a disposizione della stessa PA una serie di possibili interlocutori per la realizzazione di obiettivi attinenti alle esigenze del soggetto/ente pubblico.

Indubbiamente, un’attività di „apertura“ dei dati da parte della PA verso l’esterno incoraggia questa collaborazione e consente l’applicazione di metodologie innovative quali la co-creazione che si basa sull’analisi e la progettazione condivisa da parte dei fruitori e degli utilizzatori di una tecnologia.

In  questa prima fase di confronto si intende raccogliere specifici fabbisogni intesi come problematiche riscontrate, o richieste relative alla disponibilità o all’accesso a data-set della Pubblica Amministrazione che possono essere arricchiti o utilizzati come base di conoscenza per lo sviluppo di nuovi servizi digitali. I fabbisogni avranno anche la possibilità di essere votati dagli utenti della community con la finalità di costruire una graduatoria di problematiche e identificare alcune esigenze prioritarie di intervento, che saranno poi esaminate nella Fase 2 successiva attraverso l’apertura di uno spazio di inserimento di idee di soluzione tecnico-organizzative in grado di affrontare e potenzialmente risolvere le problematiche emerse.

Un processo di moderazione dei messaggi garantirà l’uso di un linguaggio appropriato al contesto, eliminando quei messaggi che contengono termini indecorosi.

 

 

Sfoglia fabbisogni esistenti

Il Comune di Gioia del Colle desidera creare un portale Server REST API con Open data e Linked Open Data per la pubblicazione e riuso dei dati pubblici del Comune di Gioia del Colle. Il sistema, denominato netAPI, deve creare una relazione attiva tra i cittadini, coinvolti come protagonisti nella valutazione di servizi e progetti, nella segnalazione di criticità e malfunzionamenti, nella manifestazione di esigenze e bisogni e persino nella formulazione di proposte per soddisfarli. I funzionari della Pubblica Amministrazione vengono coinvolti nei processi di miglioramento dell'organizzazione interna all'Ente Locale stesso, adottando metodologie e strumenti per coinvolgere i cittadini in consultazioni pubbliche e per attivare percorsi di partecipazione. netAPI ospiterà un insieme di strumenti per favorire il dialogo tra Ente e cittadino, per instaurare una relazione bidirezionale con essi, utilizzando una strategia di comunicazione efficace, che si avvale di numerosi strumenti tecnologici di supporto con la capacità di raggiungere in maniera capillare la popolazione locale, attraverso la community di amministratori locali ed i canali digitali ufficiali delle PA.

 

Esigenza manifestata dal Comune di Gioia del colle (TA) attraverso la piattaforma LivingLabs

Lavoriamo insieme su questo fabbisogno

Attraverso i processi di trasformazione digitale dei servizi al cittadino si rendono disponibili informazioni che potrebbero essere restituite alla comunità in forma di open data. Necessita quindi una capacità tecnologica di business intelligence per organizzare i dati e renderli disponibili. 

 

 

La digitalizzazione della maggior parte dei processi di monitoraggio delle aree pubbliche comuni ha permesso di immagazzinare grandi quantità di dati. Proprio questa mole di dati, rende questi ultimi difficilmente interpretabili attraverso il semplice intervento umano. Sarebbe pertanto opportuno disporre di sistemi e servizi di sentiment analisys che indaghino sui contenuti significativi di specifici topics quali ad esempio la sicurezza urbana la qualità dei servizi sanitari ospedalieri o le condizioni delle spiagge.

 

 

Nell’ottica di rendere la gestione e la consultazione dell’archivio comunale di Putignano, l’informatizzazione dei procedimenti di deposito, catalogazione, conservazione e consultazione (anche attraverso Open Data) costituisce un passo importante per o

Il Comune di Bitonto intende catalogare i beni ambientali, paesaggistici e culturali presenti su tutto il territorio attraverso un database digitale che consenta di avere agile accesso ad una scheda descrittiva nonché ad un fascicolo digitale per ogni

Il Comune di Brindisi opera già nel rispetto della normativa prevista dal Decreto Legislativo 33/2013 che ha riordinato la disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni.

Il Comune di Bitonto ha realizzato negli ultimi anni una significativa azione di sviluppo culturale basata su tre direttrici principali: i beni culturali e il territorio, il sistema Parco delle arti come motore di valorizzazione del patrimonio cultural

Il Comune di Bari desidera estendere le fonti di dati e i servizi erogabili attraverso il sistema Urban Control Center al fine di rendere più efficienti ed efficaci le azioni in materia di sicurezza urbana.Il sistema deve acquisire fonti di dati da var

La tecnologia Smart city sta decollando, grazie ad un numero crescente di moduli a basso costo, sensori e piattaforme back-office di gestione di reti di rilevamento e gestione dati che rivengono dal monitoraggio di svariati servizi al cittadino, alle i

Il forte utilizzo di supporti tecnologici informatici è oggi una modalità indifferibile per gestire in modo intelligente una grandissima quantità di dati, informazioni e servizi da offrire al cittadino, alle imprese e ai turisti.

Il fabbisogno indicato dal Centro per l’impiego di Taranto è di ricercare soluzioni innovative - con l'ausilio di sistemi informatici - che consentano, a partire dalle banche dati esistenti e dalle piattaforme informative già in uso, un più efficace in

Il fabbisogno è esplicitato dall’esigenza dell’amministrazione del Comune di Capurso di: