Valorizzazione del patrimonio e politiche di Smart Heritage

Chiuso

Il Comune di Nardò intende attuare nuove strategie da cui derivino azioni fisiche e digitali in grado di ottimizzare in chiave innovativa il patrimonio storico artistico. Una strada può essere quella di favorire la creazione di nuovi luoghi del sapere legati alla cultura dei maker e della prototipazione in cui dal connubio tra saperi tradizionali come l’artigianato e il fai-da-te, e da saperi più nuovi come le tecnologie dell’informazione e il loro impiego nei processi produttivi in modalità low cost nasca una nuova modalità di fare imprenditoria. Condizione essenziale affinchè ciò accada è che siano coinvolte le nuove generazioni che, oltre alla conoscenza delle tecnologie moderne (situazione quasi scontata), mostrano anche la passione per le tecniche tradizionali di ideazione, progettazione e costruzione. Solo in questo modo sarebbe per loro possibile instaurare un dialogo costruttivo con il microcosmo dell'artigianato attivo a scala territoriale e maturare nuove ed esclusive competenze. Risulta quindi particolarmente preziosa la disponibilità di luoghi dove il sapere tecnologico e il saper fare vengano coltivati e promossi con uguale rilevanza: da essi potranno uscire i nuovi innovatori che contamineranno il sistema delle PMI aumentandone le potenzialità sia in termini di mercato raggiunto, sia in termini di efficienza interna. Una  strategia parallela può operare in sinergia con le precedenti e far leva su operazioni già in fase di attuazione da parte dell'amministrazione. In tale ottica si segnala la necessità di sviluppare un  applicativo per la distribuzione e la fruizione del patrimonio digitalizzato in grado di dotare i poli museali e bibliotecari cittadini (come ad esempio la Biblioteca Achille Vergari) il cui notevole patrimonio è in buona parte digitalizzato per un totale di oltre 15.000 testi) di una infrastruttura software che renda fruibile questi materiali sia con logiche didattiche che turistiche. L’obiettivo è quello di promuovere azioni innovative di rivitalizzazione del patrimonio storico artistico a tutte le scale, dagli archivi museali e bibliotecari al paesaggio costiero, in una nuova politica di ‘Smart Herigage’ che nel nostro territorio trova ampie occasioni di sviluppo.

 

Esigenza espressa dal Comune di Nardò (LE) attraverso la piattaforma Living Labs