Fabbisogni

Nonostante i richiami alle PP.AA. da parte dell'AgID, l'Agenzia per l'Italia Digitale, ad abbandonare software proprietari per passare a soluzione open, poche sono ancora le esperienze significative presenti tra le Pubbliche Amministrazioni italiane.

Una facile soluzione è offerta dalla tecnologia indicata nel titolo, la blockchain (https://www.blockchain4innovation.it/esperti/blockchain-perche-e-cosi-im...).

Nel link di cui innanzi è spiegato cos'è la blockchain, a cosa serve, quali sono alcuni esempi di utilizzo, in particolare nel settore privato,  ma significative possono essere i suoi compi di applicazione nel pubblico, ad esempio ricorrendo agli smart contract (https://www.blockchain4innovation.it/mercati/legal/smart-contract/blockc...), ai contratti ricardiani (http://iang.org/papers/ricardian_contract.html) o a soluzioni di tokenizzazione del valore generato (https://www.econopoly.ilsole24ore.com/2018/11/13/bitcoin-tokenizzazione-...).  

Il limite all'utilizzo di questa tecnologia è la fantasia dell'operatore pubblico (laddove esista un substrato normativo abilitante o laddove l'utilizzo della blockchain non generi disvalore attraverso la duplicazione di soluzioni che limiti legali impongono di gestire solo con determinate soluzioni operative).

Utilizzare i paradigmi che sono alla base della blockchain decentralizzazione, trasparenza, sicurezza e immutabilità - permetterebbero alla P.A., in una parola, di essere maggiormente accountable, di rendere conto del proprio operato coniugando la turatiana idea della Pubblica Amministrazione casa di vetro con il ricorso ad una tecnologia open implementabile liberamente dalla comunità degli sviluppatori e fruibile democraticamente da ogni stakeholder, da ogni portatore d'interesse. 

Questo fabbisogno vuole essere la proposta per creare una community di soggetti, pubblici e privati, istituzionali e non, del mondo accademico o di tink tank indipendenti che vogliono confrontarsi sul tema e proporre soluzioni da sviluppare a favore di una P.A. che si legge come una grande organizzazione di know how, pronta a farsi contaminare positivamente da quanto la lambisce e vogliosa di tracciare percorsi inediti, potenzialmente generatori di sviluppi positivi nel Paese.

 

Il Comune di Capurso ha reso disponibile recentemente il servizio di carta d'identità elettronica. Si palesa ora la necessità di progettare servizi innovativi che, attraverso la facilitazione dello strumento elettronico identificativo del cittadino ne semplifichino l'accesso ai servizi stessi della Pubblica Amministrazione locale.

 

 

Creazione di una rete telematica per favorire processi di informazione comunicazione e divulgazione per l'innovazione tra i comuni appartenenti alla Rete Antenna PON Puglia. La rete dovrà definire buone pratiche per l'erogazione dei servizi innovativi al cittadino. 

 

 

Il Comune di Gioia del Colle desidera creare un portale Server REST API con Open data e Linked Open Data per la pubblicazione e riuso dei dati pubblici del Comune di Gioia del Colle. Il sistema, denominato netAPI, deve creare una relazione attiva tra i cittadini, coinvolti come protagonisti nella valutazione di servizi e progetti, nella segnalazione di criticità e malfunzionamenti, nella manifestazione di esigenze e bisogni e persino nella formulazione di proposte per soddisfarli. I funzionari della Pubblica Amministrazione vengono coinvolti nei processi di miglioramento dell'organizzazione interna all'Ente Locale stesso, adottando metodologie e strumenti per coinvolgere i cittadini in consultazioni pubbliche e per attivare percorsi di partecipazione. netAPI ospiterà un insieme di strumenti per favorire il dialogo tra Ente e cittadino, per instaurare una relazione bidirezionale con essi, utilizzando una strategia di comunicazione efficace, che si avvale di numerosi strumenti tecnologici di supporto con la capacità di raggiungere in maniera capillare la popolazione locale, attraverso la community di amministratori locali ed i canali digitali ufficiali delle PA.

 

Esigenza manifestata dal Comune di Gioia del colle (TA) attraverso la piattaforma LivingLabs

Lavoriamo insieme su questo fabbisogno

Attraverso i processi di trasformazione digitale dei servizi al cittadino si rendono disponibili informazioni che potrebbero essere restituite alla comunità in forma di open data. Necessita quindi una capacità tecnologica di business intelligence per organizzare i dati e renderli disponibili. 

 

 

La digitalizzazione della maggior parte dei processi di monitoraggio delle aree pubbliche comuni ha permesso di immagazzinare grandi quantità di dati. Proprio questa mole di dati, rende questi ultimi difficilmente interpretabili attraverso il semplice intervento umano. Sarebbe pertanto opportuno disporre di sistemi e servizi di sentiment analisys che indaghino sui contenuti significativi di specifici topics quali ad esempio la sicurezza urbana la qualità dei servizi sanitari ospedalieri o le condizioni delle spiagge.

 

 

 

I servizi pubblici digitali forniti dalla Pubblica Amministrazione Pugliese necessitano di adottare specifiche licenze che identifichino le caratteristiche di qualità che rispettano sulla base delle normative nazionali (ad es. AGID). Per rafforzare questo concetto, la PA pugliese dovrebbe emendare specifiche leggi per il recepimento di queste normative.

 

 

Lavoriamo insieme su questo fabbisogno

 

Con lo sviluppo dei servizi on line (SUE, SUAP, certificazione demografica, albo pretorio online, ecc...) sorge la necessità di dare valore legale a tutti gli atti e i provvedimenti, firmati digitalmente e pubblicati sul sito istituzionale del Comune di Putignano o  trasmessi telematicamente agli utenti, attraverso il timbro digitale, che consente di mantenere inalterata, anche nel processo di stampa, la validità legale di un documento informatico firmato digitalmente, dal momento che la versione stampata può essere letta e decodificata tramite uno scanner o in certi casi anche con un lettore di codici a barre bidimensionali ed un apposito software di visualizzazione. Tale necessità comporta la dotazione di idonea  tecnologia e software da implementare nella rete comunale.

 

Esigenza manifestata dal Comune di Lecce (LE) attraverso la piattaforma LivingLabs

  

 

 

Lavoriamo insieme su questo fabbisogno

In un tempo in cui si parla di Smart Cities e di tecnologie esclusive, la Città di Molfetta, si sta chiedendo quanto queste tecnologie sia inclusive e davvero abilitanti nei confronti di cittadini lontani da queste tematiche.

Nell’ambito della mobilità urbana si stanno diffondendo applicazioni per smartphone legate al per esempio al pagamento dei biglietti, o alla consultazione degli orari e alla verifica in tempo reale della posizione dell’autobus. Cittadini però che non usano abitualmente gli smartphones, come ad esempio gli anziani, rischiano di rimanere esclusi da questo circuito che rappresenta un canale di diffusione delle informazioni e di utilizzo di servizi ma che non può rimanere l’unico. Deve invece essere integrato con canali più classici dove la tecnologia sottostante è trasparente al cittadino.

La Città di Molfetta, nell’ottica di rendere le tecnolgie più inclusive possibili, manifesta il bisogno di individuare all’interno del circuito dei parcheggi cittadini, una serie di parcometri intelligenti che non solo permettano di effettuare il pagamento del biglietto sosta ma che offrano sempre più servizi al cittadino collegandosi anche ai sistemi di back-end comunali come ad esempio vendita dei biglietti autobus, pagamento parcheggi, pagamento e ritiro dei tagliandi per la mensa scolastica, ecc.

Lavoriamo insieme su questo fabbisogno

Il Comune di Conversano intende verificare la possibilità di procedere alla digitalizzazione dei servizi bibliotecari comunali e dell'archivio storico comunale, semplificando l'accesso dei cittadini al patrimonio bibliotecario e documentale del proprio

Il settore turistico è ormai “invaso” dai grandi colossi per la gestione dell’offerta turistica rendendo scarsamente utilizzati gli stessi servizi digitali dedicati al territorio pugliese.

Il Comune di Martignano ha la necessità di aumentare il proprio livello di trasparenza nei confronti dei cittadini puntando a condividere in modo continuo lo stato dei provvedimenti amministrativi e delle discussioni consiliari sui temi strategici edi

Realizzazione di una piattaforma telematica, rispondente ai requisiti previsti dal D.P.R. 160/2010, per la gestione dei procedimenti telematici di competenza dello sportello unico delle attività produttive (S.U.A.P.).

Molto spesso i comuni dislocati in zone periferiche delle province non riescono a tenere il passo sulle tecnologie e sulle normative, soprattutto in questo periodo di forte digitalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni.

Nell’era dove la comunicazione avviene in gran parte attraverso i social network, anche le Pubbliche Amministrazioni si stanno adoperando nella creazione e nel perfezionamento di piattaforme che facciano uso di questi mezzi.

Le maggiori difficoltà nell’utilizzo di servizi pubblici digitali consiste nell’utilizzo e nella comprensione delle interfacce utente.

L'avvento di connessioni veloci in 5G e l'uso sempre più massivo di dispositivi mobili per la fruizione di servizi pubblici digitali dovrebbe portare le imprese che sviluppano tali servizi nell'ottica del "mobile first" incentivando in prima battuta la fruibilità  di tali servizi dal punto di vista dei dispositivi mobili.

Il comune di Mesagne ha un'URP che ha il compito di gestire le segnalazioni degli utenti, raccogliendo le istanze dei cittadini, inoltrarle agli uffici corrisipondenti, attendere le relative risposte e quindi comunicare l'esito dell'istanza al richiedente.

 

Il Comune di Zollino ha la necessità di aumentare il proprio livello di trasparenza nei confronti dei cittadini puntando a condividere in modo continuo lo stato dei provvedimenti amministrativi e delle discussioni consiliari sui temi strategici edi maggiore impatto sulla quotidianità, come ad esempio ambiente, mobilità urbana, bilancio, servizi sociali etc. E’ necessario operare in modo da informare e allo stesso tempo coinvolgere la cittadinanza 

Il Comune di Zollino pur essendo dotato di un sistema di protocollo informatico e di gestione digitale degli atti, manca di un sistema di gestione documentale, questo comporta un rallentamento delle procedure a causa dei notevoli tempi per lo smistamento della posta ai rispettivi settori. Adottare un sistema di gestione documentale renderebbe più veloci la lavorazione delle pratiche, inoltre si eliminerebbe il problema dello smarrimento di documenti.

Alla luce delle politiche di sviluppo della comunità europea  Europa 2020 e del corretto uso delle risorse strumentali, economiche ed ambientali occorre poter dialogare sempre più frequentemente con i cittadini. Le dinamiche attuali spesso scoraggiano la partecipazione attiva alla governance e spesso, gli incontri tematici, i tavoli tecnici, le riunioni di settore risultano poco frequentate da quelli che vengono definiti generalmente stakeholders.

Il Comune di Nardò intende attuare nuove strategie da cui derivino azioni fisiche e digitali in grado di ottimizzare in chiave innovativa il patrimonio storico artistico.

Il comune di Santeramo in Colle ha la necessità di disporre di una piattaforma informatica e telematica per la gestione dello sportello unico dell'edilizia (SUE) dotata di una sezione di front office, che permetta al cittadino e ai professionisti di istruire e monitorare i procedimenti in maniera completamente telematica e di una sezione di back office che permetta agli operatori e tecnici comunali di rendere piu' efficiente e trasparente la gestione dei procedimenti stessi.

Il comune di Santeramo in Colle esprime la necessità di automatizzare le procedure amministrative con i relativi rilasci di autorizzazioni dell'Ufficio Tecnico ove il professionista possa interagire su piattaforme telematiche con l'amministrazione e l'ufficio competente per un ottimale gestione dei lavori edili.

Il Consorzio ASI di Brindisi, quale Ente preposto allo sviluppo del territorio di competenza, ed alla fornitura di servizi per le aziende ivi insediate, ha realizzato e messo in esercizio presso un proprio immobile la “Piattaforma Telematica denominata Costa Morena”. Tale infrastruttura, operante in un edificio completamente attrezzato supportato da un sistema per call center, è stato realizzato per favorire e gestire servizi di ottimizzazione della logistica.

Sviluppare un sistema telematico, eventualmente integrabile con uno sportello informativo, focalizzato sul costante censimento ed aggiornamento sia delle attività operanti che dei prodotti realizzati ed utilizzati all’interno delle aree industriali ricadenti sotto la competenza del Consorzio ASI di Brindisi.

Tutelare la popolazione attraverso la tutela del territorio. Il rischio presente nel  territorio del Comune di Andria può fare riferimento a diverse tipologie di evento (alluvioni, terremoti, frane...).

Strumenti innovativi e piattaforme tecnologiche per stimolare la co-progettazione in rete di soluzioni e percorsi di economia collaborativa nella città di Bari anche attarverso modelli di partenariato pubblico privato.

Strumenti per la partecipazione nell’area metropolitana di Bari, capaci di coinvolgere nelle decisioni Cittadini e stakeholder in modo efficiente e misurabile.

Realizzazione di un sistema di monitoraggio per l'acquisizione dal territorio del Comune di Taranto dell'insieme più completo ed approfondito di dati e la loro elaborazione ai fini  della prevenzione delle situazioni di rischio e, in caso di incidenti,

L’assistenza domiciliare, un servizio compreso nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), erogato tramite cure domiciliari e prestazioni di assistenza sociale e di supporto alla famiglia, dovrebbe garantire un’adeguata continuità di risposta sul terri

Si presenta la necessità di individuare processi innovativi per la programmazione, l’organizzazione e la gestione dell’amministrazione e dei servizi territoriali della Città di Maglie, al fine di incrementare l’efficacia, l’efficienza e la qualità dei

Il proliferare della segnaletica relativa a passi carrabili scaduti, non rimossi o - peggio ancora - contraffatti è un fenomeno da contrastare per legge e su cui l'Amministrazione comunale di Modugno è da sempre impegnata su un territorio tanto vasto,

Attualmente spetta al Comune di Bari, con le sue forze dell’ordine, il controllo del territorio e il controllo che l’esercizio del commercio su aree pubbliche avvenga con la prescritta autorizzazione, nel posteggio previsto dalla autorizzazione medesim

Ai fini della sicurezza e tutela del territorio del Comune di Lecce appare utile valorizzare gli investimenti fatti dalla ammministrazione in termini di sistemi di monitoraggio passivi distribuiti sul territorio comunale, in particolare nell'ambito urb

Nell’ottica di rendere la gestione e la consultazione dell’archivio comunale di Putignano, l’informatizzazione dei procedimenti di deposito, catalogazione, conservazione e consultazione (anche attraverso Open Data) costituisce un passo importante per o

Il Comune di Bitonto intende catalogare i beni ambientali, paesaggistici e culturali presenti su tutto il territorio attraverso un database digitale che consenta di avere agile accesso ad una scheda descrittiva nonché ad un fascicolo digitale per ogni

Il Comune di Brindisi opera già nel rispetto della normativa prevista dal Decreto Legislativo 33/2013 che ha riordinato la disciplina sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni.

Il Comune di Bitonto ha realizzato negli ultimi anni una significativa azione di sviluppo culturale basata su tre direttrici principali: i beni culturali e il territorio, il sistema Parco delle arti come motore di valorizzazione del patrimonio cultural

Il Comune di Bari desidera estendere le fonti di dati e i servizi erogabili attraverso il sistema Urban Control Center al fine di rendere più efficienti ed efficaci le azioni in materia di sicurezza urbana.Il sistema deve acquisire fonti di dati da var

La tecnologia Smart city sta decollando, grazie ad un numero crescente di moduli a basso costo, sensori e piattaforme back-office di gestione di reti di rilevamento e gestione dati che rivengono dal monitoraggio di svariati servizi al cittadino, alle i

Il forte utilizzo di supporti tecnologici informatici è oggi una modalità indifferibile per gestire in modo intelligente una grandissima quantità di dati, informazioni e servizi da offrire al cittadino, alle imprese e ai turisti.

Il fabbisogno indicato dal Centro per l’impiego di Taranto è di ricercare soluzioni innovative - con l'ausilio di sistemi informatici - che consentano, a partire dalle banche dati esistenti e dalle piattaforme informative già in uso, un più efficace in

Il fabbisogno è esplicitato dall’esigenza dell’amministrazione del Comune di Capurso di:

Il Comune di Putignano ha necessità di mettere in sicurezza e sottoporre alle logiche della Business Continuity e DISASTER&RECOVERY i propri sistemi Server, unici repository di dati e programmi di operatività municipale, attraverso un sistema di re

L’esigenza del Comune di Lecce consiste nello sviluppo e nell’integrazione, all’interno di una più ampia piattaforma di eGov, di una componente per la gestione delle procedure di riscossione delle entrate sia di natura tributaria sia di natura extra-tr

Il Mobile Payment, ovvero l’insieme di servizi che abilitano i pagamenti tramite telefono cellulare, è ancora a livello sperimentale, sia in ambito di Remote Payment, ovvero per i pagamenti a distanza tramite rete cellulare (quali ad esempio i parchegg

Il Comune di Bitonto richiede l’implementazione del servizio di sosta a pagamento mediante la fornitura, all'acquisto, di tagliandi che, per mezzo della tecnologia QR-Code, consentano il prolungamento della sosta, senza dover ritornare nel luogo in cui

Realizzazione di un sistema di geolocalizzazione e di biglietteria online riferito al trasporto pubblico locale di Barletta, che indichi i tempi di sosta, la durata delle percorrenze degli autobus, i tempi di attesa e la percorribilità delle strade.

I Comuni di Laterza, Altamura, Corato, Palagianello, San Giovanni Rotondo, Ginosa, Gravina in Puglia e il G.A.L Luoghi Del Mito E Delle Gravine S.C.R.L.

Il Comune di Bari intende realizzare un sistema integrato per estendere la cittadinanza digitale attiva basato sui sistemi di recommendation applicati al portale istituzione e al sistema di egovernment.

Nell'ambito della gestione dei procedimenti del SUAP (Sportello Unico Delle Attività Produttive) dell'Ente Murgia Sviluppo composto da 16 comuni soci dell'area Murgiana (bacino di utenza di circa 300.000 cittadini), si necessità di implementare e innov

Tutte la attività antropiche (diportismo, pesca sportiva, pesca professionale, subacquea) svolte all'interno delle Aree Maine Protette sono regolamentate e devono essere preventivamente autorizzate.

Nuove tecnologie di autenticazione dei cittadini come SPID eIDAS e Block Chain stanno sempre più prendendo piede nella digitalizzazione delle Pubbliche Amministrazioni. C’è quindi la necessità di incoraggiare e velocizzare la diffusione di queste modalità per registrare e gestire le identità digitali con l’esigenza di integrare questi sistemi con i servizi pubblici digitali esistenti.

Il Comune di Gravina in Puglia ritiene estremamente importante fornirsi di tecnologie innovative avanzate per ottimizzare il controllo delle aree mercatali e dunque dotarsi di un sistema automatizzato e tecnologicamente innovativo utile a gestire, coor